Vai al Contenuto - Sitemap
Scuola media

regolamenti d'istituto

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO
Carta dei servizi
Patto Educativo
REGOLAMENTO DI DISCIPLINA
STATUTO DEGLI STUDENTI E DELLE STUDENTESSE - regolamento disciplina

IL REGOLAMENTO DI DISCIPLINA attuativo dello Statuto degli Studenti e delle Studentesse si integra con il Patto Educativo di Corresponsabilità che prevede disposizioni sui diritti e doveri nel rapporto tra Scuola, Famiglie, Alunni e prevede una serie di provvedimenti disciplinari nel caso di inosservanza delle disposizioni sancite nel Regolamento d’Istituto.

REGOLAMENTO ORGANO DI GARANZIA

L’ORGANO DI GARANZIA interno alla Scuola, di cui all’art. 5, comma 2, dello Statuto delle studentesse e degli studenti, è eletto dal  CONSIGLIO D’ISTITUTO ed è costituito dai rappresentanti delle varie componenti scolastiche. L’Organo di Garanzia è chiamato a decidere su eventuali conflitti che dovessero sorgere all’interno della Scuola circa la corretta applicazione dello Statuto delle studentesse e degli studenti: D. P. R. 249/98, cos come modificato dal D.P.R. 235/2007.  Le sue funzioni sono:

a) prevenire ed affrontare tutti i problemi e i conflitti che possano emergere nel rapporto tra studenti ed insegnanti e in merito all’applicazione dello Statuto ed avviarli a soluzione;

b) esaminare i ricorsi presentati dai Genitori degli Studenti o da chi esercita la Patria Potestà in seguito all’irrogazione di una sanzione disciplinare a norma del regolamento di disciplina.

Il funzionamento dell’O.G. è ispirato a principi di collaborazione tra scuola e famiglia, anche al fine di rimuovere possibili situazioni di disagio vissute dagli studenti. 

Sono membri dell'Organo di Garanzia (delibera n. 2 del 10/04/2018 del C.d.I.)

Simonetta Zuccaccia - Dirigente Scolastica

Pala Federica - genitore

Piracci Michela - genitore

Pedetta Rita - docente

Tiecco Simona - docente 

membri supplenti:

Ciliegi Monia e Zappacenere Lucia - genitori

Anglano Angelo e Trauzzola Lisa - docenti.

                             

 

REGOLAMENTO D'ISTITUTO
Il regolamento d’Istituto è l’insieme delle regole che un istituto scolastico si dà, nell’ambito della propria autonomia, per garantire il corretto funzionamento della scuola, nel rispetto dei diritti e dei doveri di tutte le sue componenti, ossia gli studenti, le famiglie, i docenti, il dirigente scolastico, il personale non docente, in attuazione del piano dell’offerta formativa che costituisce, a sua volta, il progetto educativo ed organizzativo della scuola stessa.
Regolamento d'Istituto 2020
Regolamento d'Istituto 2019
Regolamento d'Istituto 2018
Regolamento Istituto 2017
Regolamento Istituto 2016
Regolamento Istituto 2015
REGOLAMENTO BORSE DI STUDIO

Era il 1968 quando il Consiglio di presidenza della scuola "san Paolo",  decideva di istituire "un certo numero di premi in denaro destinati a quegli allievi che si sono distinti per un più volenteroso e deciso impegno nella propria formazione in condizioni socio economiche sfavorevoli".  Oltre a questi premi, metteva a disposizione tre borse per merito. Erano passati solo sei anni dalla Legge 1859 che nel dicembre 1962 aveva istituito la scuola media unificata, superando il dualismo sociale dell'Avviamento professionale.  Nei  primi anni del duemila le tre borse di merito intitolate "a Chiodini", "a Savaris", "a Virzì", vengono riunite in un'unica cointitolata e poco dopo viene istituita una seconda borsa intitolata " a Cristina", destinata a coloro che si distinguono per comportamenti altruistici, in ricordo di una studentessa prematuramente ed improvvisamente scomparsa. La storia delle borse cambia  nel 2016, quando il Consiglio di Istituto, visto il numero di studenti  che ogni anno vengono indicati eleggibili per l'attribuzione, delibera di istituire una nuova borsa "San Paolo", accanto a quella in ricordo di Maria Virzì (sostenuta dalla famiglia) e "a Cristina (anche questa sostenuta dalla famiglia). 

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI E DEI CONTRATTI DI PRESTAZIONE D’OPERA CON ESPERTI INTERNI ED ESTERNI

Il  regolamento disciplina, ai sensi della normativa vigente, le modalità e i criteri per il conferimento di contratti di prestazione d’opera con personale esterno / soggetti esterni per tutte le attività ed insegnamenti che richiedano specifiche e peculiari competenze professionali al fine di sopperire a particolari e motivate esigenze , funzionali all’offerta formativa e all’erogazione del servizio.

Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016

Con il regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali (regolamento 2016/679), approvato in data 14 aprile 2016 dal Parlamento Europeo e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea del 4 maggio 2016 inizia una nuova stagione per i diritti dei cittadini europei nei rapporti con le pubbliche amministrazioni e le imprese.

Il regolamento costituisce un tentativo di armonizzazione delle regole privacy dei vari Stati ed è finalizzato a sviluppare il mercato unico digitale attraverso la creazione e la promozione di nuovi servizi, applicazioni, piattaforme e software.

Il regolamento costituisce con la direttiva Direttiva (UE) 2016/680 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati il c.d. “pacchetto protezione dati personali”

REGOLAMENTO ACQUISTI

Il presente Regolamento disciplina l’attività negoziale del Dirigente scolastico per l’acquisizione di beni e servizi definendo i criteri per l’esercizio della stessa alla luce delle vigenti disposizioni di legge. Il Regolamento definisce i criteri e i limiti per lo svolgimento, da parte del Dirigente Scolastico, dell’attività negoziale ai sensi dell’art. 45 del Decreto Interministeriale 28 agosto 2018 n. 129 per le seguenti attività:

a) affidamenti di lavori, servizi e forniture, secondo quanto disposto dal decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 così come modificato e integrato dal D.lgs. 56/2017 e dalle relative previsioni di attuazione, di importo superiore a 10.000,00 euro;

b) contratti di prestazione d'opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti;

c) determinazione della consistenza massima e dei limiti di importo del fondo economale.

I contratti dell’Istituzione scolastica d e v o n o rispettare le procedure previste dell’art. 45 del Decreto Interministeriale 28 agosto 2018 n. 129 e di quanto stabilito dal D.lgs. 50/2016 c o s ì come modificato e integrato dal D.lgs. 56/2017 

 L’Istituto, per il raggiungimento e nell'ambito dei propri fini istituzionali, ha piena autonomia negoziale, fatte salve le limitazioni specifiche poste da leggi e regolamenti.

. L’Istituto uniforma la propria attività negoziale ai criteri di efficienza e proporzionalità, efficacia ed economicità, nonché ai principi di tempestività, correttezza, trasparenza e pubblicità, non discriminazione e parità di trattamento, libera concorrenza e massima concorrenzialità nel rispetto dei vincoli di spesa definiti dal programma annuale e dagli altri atti di programmazione finanziaria emanati dall’Amministrazione di appartenenza e/o da altri Organismi, a tal fine deputati.

Nell'ambito dell'autonomia negoziale l’istituto può stipulare convenzioni e contratti, con esclusione dei contratti aleatori e, in genere delle operazioni finanziarie speculative, nonché della partecipazione a società di persone e società di capitali, fatta salva la costituzione e la partecipazione ad associazioni, fondazioni o consorzi, anche nella forma di società a responsabilità limitata, nonché la conclusione e l'adesione ad accordi di rete ai sensi dell'articolo 7 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275 e dell'articolo 1, commi 70, 71 e 72 della legge n. 107 del 2015.

I contratti sono stipulati nei modi e nelle forme stabiliti dalle relative disposizioni di legge e, ove previsto, mediante scambio di corrispondenza secondo l'uso del commercio.

È fatto divieto di acquistare servizi per lo svolgimento di attività che rientrano nelle ordinarie funzioni o mansioni proprie del personale in servizio nella scuola, fatti salvi i contratti di prestazione d'opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti, al fine di garantire l'arricchimento dell'offerta formativa, nonché la realizzazione di specifici programmi di ricerca e di sperimentazione. Il presente Regolamento, dalla sua entrata in vigore, annulla e sostituisce tutti i regolamenti d’Istituto trattanti le medesime materie. 

REGOLAMENTO FONDO ECONOMALE
CRITERI GENERALI PER LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITA' DELLA SCUOLA E LE SCELTE DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE
Albo

Elenco delle ultime 3 pubblicazioni. Per vedere gli allegati consulta l'albo.

5
2020

GRADUATORIE ISTITUTO

Pubblicato il: 21-09-2020 - Scade il: 00-00-0000
Categoria: Graduatorie
4
2020

Decreto attribuzione bonus premiale a.s. 2019/20

Pubblicato il: 25-08-2020 - Scade il: 31-03-2021
Categoria: Altro
120
2018

Aggiudicazione definitiva del servizio assicurazione

Pubblicato il: 24-09-2018 - Scade il: 30-09-2021
Categoria:

CONSULTA L'ALBO