ACCADDE OGGI: 28 maggio 1999 torna visibile al pubblico dopo un lunghissimo restauro l’ultima cena di Leonardo da Vinci

0

Uno dei capolavori indiscussi dell’arte è il Cenacolo di Leonardo. Si tratta de “L’ultima cena” di Gesù Cristo con i suoi apostoli, dipinta sulla parete e conservata nell’ex refettorio del santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano. Opera unica nel suo genere e incredibilmente fragile, è stata dipinta tra il 1495 e il 1498 e negli anni è stata oggetti di numerosi restauri. L’ultimo è stato annunciato lo scorso anno: è stato ideato per igienizzare il microclima all’interno della sala dove è esposto il Cenacolo e prevede un finanziamento statale e uno da parte dello sponsor Eataly.

Il 28 maggio 1999, dopo ben 22 anni di restauro costato oltre 7 miliardi di euro l’opera fu riaperta al pubblico: furono migliorate le parti scrostate e lesionate, ripulita la polvere dai piccoli interstizi e restaurate la parete dove fu dipinto. In occasione di questo particolare anniversario abbiamo deciso di rivelarvi 10 curiosità su “L’ultima cena”:


1. Un dipinto enorme

Leonardo dipinse il Cenacolo su una parete larga 9 metri e alta 4, una “tela” a dir poco enorme.
2. Una delle attrazioni più visitate

Nel 2014 si è classificata 13esimo tra i siti statali italiani più visitati. Nel 2016 è stato il 14esimo museo più visitato nel nostro Paese con 406mila visitatori.
3. La mano armata di coltello

A destra di Gesù, tra Pietro e Giuda, c’è una mano armata di coltello: alcuni sostengono appartenga a Pietro, ma altri ritengono sia di Giuda e che con i tanti restauri effettuati si sia modificata leggermente l’anatomia dei protagonisti, il che rende difficile l’identificazione dell’appartenenza.
4. Ispirazione dal Vangelo

Leonardo si è ispirato al passo del Vangelo di Giovanni dove Gesù dice ai suoi discepoli che uno di loro lo tradirà. Ecco perché i volti degli apostoli sono così particolari e diversi tra loro.
5. Non è un affresco

“L’ultima cena” non è un affresco. È un’opera disegnata con una tecnica singolare, un dipinto parietale a tempera grassa su intonaco. Leonardo utilizzò la stessa tecnica che aveva per le tele ma questo non si rivelò azzeccato, almeno per la sua conservazione. Proprio per questo il dipinto necessita di numerosi restauri.
6. Era già rovinato prima che Leonardo lo concludesse

L’artista impiegò diverso tempo per completare la sua opera e secondo alcune fonti, una volta finita, mostrava già una crepa sul lato sinistro. A tal proposito si trova una testimonianza diretta di Vasari: «non si scorge più se non una macchia abbagliata».
7. Solo 1.300 visitatori al giorno

Per preservare l’ambiente circostante e impedire il rapido deterioramento dell’opera dalle polveri sottili l’opera è visitabile solo da 1.300 persone al giorno. Per permettere a più persone di fruire della visione de “L’ultima cena” lo scorso anno è stato annunciato un nuovo restauro ambientale
8. Il riferimento agli Sforza

Ne “L’ultima cena” vi sono cinque lunette che rappresentano le imprese degli Sforza all’interno di ghirlande di foglie, fiori e frutta. La famiglia Sforza era una casata nobiliare milanese di cui faceva parte Lodovico Il Moro, signore di Milano.
9. Lodovico Il Moro

Leonardo fu ingaggiato da Lodovico Il Moro: fu lui a commissionargli l’opera, che venne dipinta tra il 1494 e il 1498.
10. Il menu

Il dipinto è ambientato duranti i festeggiamenti del Pesach, la Pasqua ebraica. Infatti il menu è esattamente riferibile a questa celebrazione: pane azzimo con charoset (salsa di frutta), agnello arrostito, vino e erbe amare.

News

L’Istituto Comprensivo Perugia 3 ha preso parte al seminario multilaterale ‘Alpe-Adria eTwinning Trail’, dedicato all’educazione all’aperto, che si e’ tenuto a Kranjska Gora (Slovenia) dal 29 al 31 maggio. All’evento hanno partecipato 18 docenti italiani, austriaci […]

Leggi di più
locandina concerto di fine anno

Come da tradizione questa sera, 05/06/2024 si terrà il concerto di fine anno scolastico presso la splendida Basilica di S. Pietro, Perugia. Concerto di fine anno 5 giugno 2024

Leggi di più

Si è appena conclusa la mobilità in ingresso Erasmus del nostro Istituto, nella quale abbiamo accolto 24 studenti e 11 insegnanti provenienti da Spagna, Romania e Grecia. Un’esperienza unica che ha visto i partecipanti coinvolti in […]

Leggi di più

Gli alunni delle classi prime, quarte e quinte della Scuola Primaria Fabretti sono stati premiati al Pala Barton per la loro partecipazione al progetto “Econews: la voce dell’ecologia in classe”, promosso da Gesenu e dal Comune […]

Leggi di più

Siamo lieti di annunciare che la nostra scuola ha ottenuto il prestigioso riconoscimento eTwinning School Label, conferito alle istituzioni che si distinguono per l’eccellenza nell’implementazione dei valori e della pedagogia eTwinning. Le scuole insignite di questo […]

Leggi di più

Condividiamo con orgoglio successo ottenuto dai nostri studenti delle classi terze della Scuola Secondaria San Paolo al progetto IMUN, Italian Model United Nations, tenutosi a Roma dall’8 al 10 maggio. Durante questo evento, i nostri studenti […]

Leggi di più

Alcuni studenti e studentesse delle classi terze della Scuola San Paolo hanno recentemente partecipato a un’esperienza educativa internazionale di grande impatto, grazie al nostro programma di Accreditamento Erasmus. Durante il loro soggiorno in Romania, gli studenti, […]

Leggi di più

Le giovani atlete della scuola secondaria San Paolo hanno dominato la scena alla fase regionale di corsa campestre, portando a casa vittorie sia nella categoria individuale con Rebecca Brugnoni, che in quella a squadre con Rebecca […]

Leggi di più

Si è da poco conclusa la mobilità in Spagna di 19 studenti e studentesse delle classi prime e seconde della nostra scuola secondaria San Paolo, resa possibile grazie all’accreditamento Erasmus del nostro Istituto. Gli studenti, accompagnati […]

Leggi di più
certificato globe program

Proseguono con costanza le attività dei nostri studenti legate al Globe Program, la rete internazionale di scuole e cittadini che, attraverso le diverse attività, contribuisce in modo significativo al monitoraggio ambientale del nostro Pianeta. Anche quest’anno […]

Leggi di più
Sala dei Notari

La mattina del 7 febbraio, alla Sala dei Notari, in occasione della giornata mondiale di contrasto al Bullismo e Cyberbullismo, le classi seconde della nostra scuola secondaria San Paolo hanno partecipato ad un incontro di sensibilizzazione […]

Leggi di più
Alunni premiati alla competizione scolastica Galilei Senza frontiere

La nostra scuola, grazie ai suoi studenti, veri e propri “talenti matematici”, ha conquistato il secondo posto nella XVIII edizione della gara di matematica a squadre “Galilei senza frontiere 2024”. Alla competizione, organizzata dal Liceo Scientifico […]

Leggi di più

Anche quest’anno il nostro Istituto è stato ufficialmente riconosciuto come “Cambridge Preparation Centre”.  Questa prestigiosa attestazione conferma che la nostra scuola ha raggiunto elevati standard nella preparazione degli studenti agli esami di lingua inglese Cambridge, garantendo […]

Leggi di più