ACCADDE OGGI: L’Italia istituisce l’ora legale

News 25/05/2022

La proposta fu avanzata per la prima volta a Parigi da Benjamin Franklin, uno dei “padri fondatori” americani. Il politico Benjamin Franklin (1706-1790) per tutta la vita fu appassionato di scienza e nel suo saggio Un progetto economico per diminuire il costo della luce, pubblicato nel Journal de Paris (1784) avanzò una proposta decisamente originale. Ai tempi gli orologi non erano diffusi come oggi e non c’erano nemmeno le ferrovie (la prima linea ferroviaria è del 1825). L’esigenza di sincronizzare i minuti non era insomma determinante come lo sarebbe stata nell’Ottocento, eppure iniziava a farsi sentire. Benjamin propose quindi di indurre la popolazione ad alzarsi prima al mattino, sfruttando la luce del sole. Come? Tassando le persiane per esempio, razionando le candele, proibendo la circolazione notturna e installando per le vie delle città sveglie rumorose che sparavano colpi di cannone. Il suggerimento di Benjamin Franklin cadde nel vuoto.

Fu riconsiderato però a inizio Novecento (1907) da un inglese, William Willett, che propose di attuarlo alla Camera dei Comuni britannica. E siccome in tempo di guerra il risparmio energetico era importante, nel 1916 venne attuato. Non solo nel Regno Unito, ma anche in Italia e in altri paesi di Europa.

Nel nostro Paese dal 1916 anno in cui fu istituita per la prima volta dalla mezzanotte del 3 giugno, fu ripristinata e soppressa più volte. Durante la creazione della Repubblica Sociale (1943-45) ci fu addirittura una sfasatura dell’applicazione dell’ora legale fra il Nord e il Sud del Paese (per alcuni mesi nel 1944 fu in vigore solo nella Repubblica di Salò), finché a partire dal 1966 entrò in vigore con continuità e dal 1996 fu adottata con un calendario comune in tutta Europa.

Non tutti oggi concordano sull’utilità dell’ora legale. Soprattutto perché i bisogni del mondo industrializzato dai tempi di Benjamin Franklin sono cambiati. E ciò che risparmiamo sulla bolletta con un minore utilizzo dell’illuminazione (sempre più efficiente) è vanificato dalla moltitudine di apparecchi elettrici ed elettronici che divorano energia indipendentemente dalle ore di luce, o che anzi tendono a rimanere accesi per più tempo (condizionatori d’aria in primis).

Anche per questo c’è chi ha proposto di abolire l’ora legale: la questione in Italia, come in altri Paesi, è diventata oggi di competenza dell’Unione europea

locandina open day

Open day

Leggi di più
globe logo

Globe Project

Leggi di più
iscrizioni miur

ISCRIZIONI ONLINE

Leggi di più
iotornoascuola

#iotornoascuola

Leggi di più
coronavirus a scuola

Coronavirus

Leggi di più
pago in rete

Pago in rete

Leggi di più
bes

Bisogni educativi speciali

Leggi di più
logo erasmus

ERASMUS+

Leggi di più
tfa

Tirocinio formativo attivo

Leggi di più
formazione docenti

Formazione docenti

Leggi di più
logo etwinning

eTwinning

Leggi di più